Carina....."Piantato come un paracarro"

Moderatore: queledsasol

Rispondi
Messaggio
Autore
queledsasol
Messaggi: 5407
Iscritto il: mercoledì 13 ottobre 2010, 11:27

Carina....."Piantato come un paracarro"

#1 Messaggio da queledsasol » lunedì 18 settembre 2017, 23:40

Oggi mi hanno detto che sono "piantato come un paracarro" perche' parlo sempre di...Dinamica...Distorsione...Modulazione; quando invece oltre a questi parametri ce ne sono molti altri.
Ma senza il senso della "vita"............senza il voler ballare se senti un brano ballabile............senza emozione;cosa te ne fai............degli altri parametri....?

Ciao

EdoFede
Messaggi: 1090
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2015, 10:57
Località: Bologna

Re: Carina....."Piantato come un paracarro"

#2 Messaggio da EdoFede » martedì 19 settembre 2017, 20:26

queledsasol ha scritto:
lunedì 18 settembre 2017, 23:40
cosa te ne fai............degli altri parametri....?
Le pippe di nascosto, davanti ai cavi pitonati :mrgreen: :lol: :lol:

Ute
Messaggi: 639
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 17:16
Contatta:

Re: Carina....."Piantato come un paracarro"

#3 Messaggio da Ute » mercoledì 20 settembre 2017, 12:05

L' Emozione è una brutta bestia.
Senza, stai a fare quello che scrive Edo...
Con, puoi giustificare anche delle vere nefandezze audio.
Si dice la virtù stia nel midrange (in medio stat virtus).
Però noi siamo animali usciti dalle caverne 50.000 anni fa appena, abbiamo ancora biogrammaticamente insito nel nostro essere la scarica di adrenalina quando avvertiamo un segnale (rombo) a bassa frequenza, che nell'antichità era prodromo di pericolo imminente, fosse un terremoto, un crollo in una caverna o un semplice temporale.
Vogliamo sentire quella scarica, perchè oggi con la rielaborazione del nostro cervello evoluto lo chiamiamo "emozionarsi". Ci fa sentire vivi.
Certo il canto degli uccellini poi ci scatena le endorfine e fa l'effetto tavoletta di cioccolata, ma prima ci vogliono un paio di sberle in faccia.

geeksAgainstLoudness
Messaggi: 281
Iscritto il: mercoledì 9 novembre 2016, 6:26

Re: Carina....."Piantato come un paracarro"

#4 Messaggio da geeksAgainstLoudness » martedì 10 ottobre 2017, 15:25

Pensavo si parlasse di capacita' di guida e di motori... Comunque provo a vaneggiare un po' anch'io.

Cosa emoziona di piu', una Lamborghini o una Tesla silenziosa? Eppure entrambe fanno il 0-100 in circa 3s...
(lasciamo perdere che poi la Tesla e' pesantuccia per fare le curve)

Chiedi a qualunque pilota di F1 perche' non ama l'attuale regolamento, e ti rispondera' che il rumore fa schifo. 12-10-8 cilindri... e gia' avevamo perso parecchio del buon sound. Con le ciofeche turbostrozzate attuali e' tremendo.

Eppure, quando un pilota di MotoGP ha provato una moto completamente elettrica, ha detto che probabilmente si puo' andare ancora piu' forte in curva, "si sente il rumore delle gomme e si capisce meglio il limite", ma zero emozione.

Meglio Saetta McQueen o Jackson Storm (chi ha figli capira')? Viper o R34?

Pero', nei motori, emozionano di piu' i plurifrazionati e gli scoppi regolari (oltre che gli alti giri). Almeno come mezzi da corsa. Se c'e' da sgasare al semaforo, allora un bel V8 americano e' imbattibile.

Alla fine di questo delirio a base di benzina, mi domando se le basse frequenze siano alla base dell'emozione. Ci si commuove su un'assolo di chitarra, ci si carica sulle botte di batteria. Non credo che emozione ed adrenalina siano la stessa cosa (o qualcosa di rielaborato).

Per quel poco che ho potuto capire io, ci vogliono:
- La dinamica, non solo in basso ma in genere su tutte le frequenze
- Il "timing", che credo sia un misto tra dinamica, velocita' e correttezza di fase, nel senso che tutto deve avvenire nel momento giusto, in modo da amalgamare correttamente le varie frequenze

Prendiamo ad esempio un violino, che quando suona una nota, parte dal silenzio, inizia a muovere l'archetto e poi puo' tenere per alcuni secondi la nota costante. Bene, una volta che la nota e' stazionaria, probabilmente si puo' accademicamente scomporre nelle sue componenti armoniche. Un sistema deve non solo riprodurre le varie armoniche con le ampiezze giuste, ma anche la fase giusta. Pero' non ho nessuna esperienza sulla percettibilita' o meno di piccoli errori di fase sulle armoniche, rispetto alla fondamentale, quando la nota viene tenuta a lungo. Ma, IMHO, la vera magia c'e' all'attacco: li si che, se tutto non e' in perfetta fase, non si sente il "graffio", tutto verra' ammorbidito come un'immagine fuori fuoco.

Uguale per un colpo di grancassa. OK che devi avere la bassa frequenza, ma devi avere anche l'attacco. Che e' formato dalla fondamentale + tutte le armoniche correttamente in fase per rendere l'impulso quanto piu' "quadrato", o meglio l'attacco quanto piu' ripido possibile. Di nuovo, li il timing tra fondamentale ed armoniche e' la chiave della magia.

Le 802D non avevano nulla di tutto cio' :shock: ... Con le JBL meglio, con il Tairana ancora meglio, a Bracciano super.

Rispondi