Microfoni in phantom e pre dedicato a valvole...

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

Rispondi
elettro
Messaggi: 1639
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Microfoni in phantom e pre dedicato a valvole...

Messaggio da elettro » giovedì 8 novembre 2018, 19:02

Ripensavo al concerto di Vasco Rossi - l'ultimo di Modena Park -, quando rividi su rai 1 uno stralcio del live, e ripensai alla mia esperienza a Bologna - dove scesero in campo i tecnici di RCF, a Modena - usarono LAcoustic, il progettista un ingegnere nostrano.
Noto con sommo stupore, che questi artisti attempati adottano microfoni wirless della serie Shure o Senniser, che gli consente di essere lineri sil palco.
Ma..poi ..in regia devono dare fornza alla loro voce ...e nei passaggi più intensi i compressori di dinamica digitali si fannno sentire, perlomeno io li percepisco.
L'effetto è deleterio, la voce sprofonda nel dominio degli strumenti e del basso, e a quel paese l'intellegibilità della stessa, ma mi domando a tal proposito:"Ma adottare un microfono a filo con preamplificazione a valvole è un sacrilegio?? la sua dinamica aiuta certamente gli artisti con meno brio, mentre la sua satirazione soft evita interventi deleteri dei compressori di dinamica in DSP. Forse, un eventuale fruscio di fondo, potrebbe allarmare i tecnici con impianti nell'ordine del milione di Watt.
Non credo possa esistere una timbrica paritaria rispetto ad un set a valvole rispetto ad un vulgaris ic in wirless. So che di fatto ..poi le valvole hanno bisogno di una alimentazione stabilisssima, am poi per un pre-valvole-mic, un UPS a rettifica integrale dell'onda sinusoidale.
E' una soluzione possibile..? Ad un amico gli consigliai un kit mic e pre valvole - che acquistoò usato

F.Calabrese
Messaggi: 33427
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Microfoni in phantom e pre dedicato a valvole...

Messaggio da F.Calabrese » venerdì 9 novembre 2018, 23:51

Ho spostato in questa sezione un post che altrimenti poteva passare inosservato... ed invece è interessantissimo.

Per parte mia aggiungo questo ulteriore spunto, in quanto io sono convintissimo che la scelta dei migliori microfoni sia assolutamente fondamentale al fine di conseguire il miglior suono possibile ai concerti.

Si tratta della spiegazione dei microfoni dei Grateful dead, che non a caso avevano il miglior suono dell'epoca...

Immagine

A domani per i dettagli
Saluti
F.C.

elettro
Messaggi: 1639
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: Microfoni in phantom e pre dedicato a valvole...

Messaggio da elettro » lunedì 12 novembre 2018, 8:14

Attendo i commenti.....

Per fare lavorare i Wirless in palco, adottano delle antenne riceventi in Log periodico sparse per i punti salienti, fortunati che nessuno le disturba.
Provo a tradurre il documento.

elettro
Messaggi: 1639
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: Microfoni in phantom e pre dedicato a valvole...

Messaggio da elettro » lunedì 12 novembre 2018, 8:21

Avevo letto...un tempo...dei problemi inerenti i Mixer ad aperazionali, sono dei veri e propri sommatori ...alla fine uno si trova con un livello alto - almeno 3dB al di sopra della soglia limite di uscita senza saturazione e deve comprimere per forza con i compressori od abbassare gli ingressi.
Per questo motivo, la Piooner - pose sul mercato i mixer digitali per discoteche e locali, che grazie al mixaggio digitale in DSP, non erano costernati dal porblema indoto dagli amplificatori sommatori. Pena, la doppia conversione AD e DA e qualche crash dello streaming in caso di interferenze, ma lanciarono una nuova proposta sul mercato. Nei concerti, credo adottino questa tecnica soprattuto per potere adottare i DSP limitaotori di dinamica, che haimé..promuovono una limitazione a gradini come se fosse il rpofilo di una costruzione eseguita con i Lego, che si sente. Poi, una doppia conversione, non è certo ottimale per in termini di risuluzione. Argomemto lungo e troppo dispendioso.
Gradirei un commento di Marcello Croce .......saluti.

Rispondi