impianti per la discoteca

Moderatore: Marcello Croce

Messaggio
Autore
SuperFunk
Messaggi: 316
Iscritto il: giovedì 6 gennaio 2011, 19:14

Re: impianti per la discoteca

#21 Messaggio da SuperFunk » sabato 28 aprile 2012, 12:31

L'avete stuzzicato... e mò so' ca@@i vostri!!!

:lol: :lol: :lol:
Francesco
You can walk a mile on my shoes, but you can't dance a step on my feet

violone 32'
Messaggi: 4908
Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:05

Re: impianti per la discoteca

#22 Messaggio da violone 32' » giovedì 5 luglio 2012, 13:32

a proposito di Funktion one avete già visto questo? http://youtu.be/MxhtIbK-Dqc

ciao
Aldo Tenca

daffy
Messaggi: 104
Iscritto il: lunedì 30 luglio 2012, 22:34

Re: impianti per la discoteca

#23 Messaggio da daffy » martedì 31 luglio 2012, 19:44

Un po' di Funktion-one in azione http://www.spaceibiza.com/2011_360/fedd ... index.html
Sembra che i sub abbiano l'accesorio "tromba" :D ... star li davanti non credo faccia molto bene!

Questa è una panoramica dello Space di Ibiza con 8 Funktion Resolution 2 (no ... non so come suoni, non ci sono stato)
http://www.spaceibiza.com/2012_360/2manydjs/index.html

Ho avuto modo di sentire come suonano le Resolution 2 (4 agli angoli della pista più uno o due sub sotto la consolle) in una discoteca della zona e le mediobasse troppo secche non mi sono proprio piaciute. Sarà il tipo di caricamento ... boh, io preferisco di gran lunga il mediobasso Meyer che ci sono al Muretto di Jesolo.

Ma nel cuore sono nostalgico, ogni tanto ripenso alle JBL Elettrostudio con doppio 38cm affiancato caricato in reflex, tromba per medi e due gli alti... se non ricordo male, son passati 20 anni :D

daffy
Messaggi: 104
Iscritto il: lunedì 30 luglio 2012, 22:34

Re: impianti per la discoteca

#24 Messaggio da daffy » martedì 31 luglio 2012, 19:56

Sala grande dello Space
http://www.spaceibiza.com/2011_360/john ... index.html

si nota l'array Funktion in alto ai lati della consolle.

violone 32'
Messaggi: 4908
Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:05

Re: impianti per la discoteca

#25 Messaggio da violone 32' » venerdì 26 ottobre 2012, 17:10

A propsito di Vloid .Belli questi locali ,Quando andavo a ballare io erano molto più caserecci....http://youtu.be/ebcIjQidlYM http://youtu.be/6InuZgWg4sA http://youtu.be/jzQ09HpkS6o http://youtu.be/3nM1U2eQtpQ http://youtu.be/19s_Z9BalkU
io andavo a ballare in questi locali, non so nemmeno se esistono ancora....Florida di Ghedi ( impianto jbl ) Sayonara di Castel Goffredo (jbl ) Kiss di Ostiano ( Cervin Wega )
Tam Tam di San Giovanni in croce cr....questa era la disco più scassa ma negli ultimi anni che ci sono andato c'era l'impianto migliore ed era della Martin....tanto tempo fa :(
anche il cervin wega mi piaceva....
Aldo Tenca

elettro
Messaggi: 1756
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: impianti per la discoteca

#26 Messaggio da elettro » giovedì 9 maggio 2013, 12:51

Scusate,...io è da poco che scrivo su questo forum, mi posto come elettro...sono un appassionato dell'HI-FI HI-END, e mi dieltto anche nel professioanale, attraverso le nozioni apprese nella lettura degli articoli di Guido Noselli, progettista di Outline Italia.
Vedo che siete focalizzati sui diffusori, che negli nultimi anno hanno guadagnato un range tecnologico raguardevole - in termini di efficienza, direttività e configurazioni cluser, ma come al solito, viene a meno l'analisi della parte di impianto che vige a monte di esse....sorgenti digitali, pc portatili MAC con brani I-Tunes preregistrati, sintetizzatori, mixer di dubbia qualità, amplificatori sottodimensionati in classe D, o preposti con dati di targa egregiamente sovravalutati, cablaggi elettrici, linea pre, e cavi potenza mediocri, convertitori DAC commerciali...etc etc...
Probabilmente, quello che focalizzate nei vostri interventi, ha come fondamento, la sufficienza con cui viene trattato il caso della sonorizzazione delle discoteche, inteso come format audio e le sue ripercussioni nella catena di riproduzione.
Se prendiamo in esame un classico come lo standard PCM dell'audio CD, con il suo flusso di dati, la sua risoluzione effetiva che può eguagliare la risoluzione effettiva prossima ai 16 bit per canale, con una dinamica di 102dB, dettato in primis da Philps con il compact disc, che dovrebbe essere una base imprescindibile intesa come standard per la corretta riproduzione di una traccia audio a favore della qualità che può eguagliare in qulche modo l'antenato in vinile, che nonostant ele sue peculiarità tecniche che ne rendevano constosa la riproduzione, garantiva quel timbro caldo e corposo che soddisfa acnora molti estimatori.
Bene, prendiamo questo standard, e paragoniamolo con i DJ che hanno il Mac in console( con ITunes credo..), con gli effetti sintetizzati, con i cd pre-registrati in casa dagli stessi DJ, con i mixer digitali di qualità spesso discutibile in termini HI-FI, senza parlare delle effettive capacità di pilotare i diffusori ad opera di ampli in classe D, che possono riprodurre un picco di potenza max per un periodo di circa 20 milliscendi, prima che il processori limiti la potenza erogata per adottare il soft-clipping, e poi sui dati di targa troviamo serigrafato 500Wx2 8 ohm, 700Wx2 4 ohm, etc etc..
Se leggete gli articoli di Guido Noselli, capierete perché questo o quell'impianto non vi piacciono, perché quella tromba suona "strano", daltronde un file MP3, può contenere anche solo il 30% deel contenuto audio originale, e dettare la sensazione della traccia per ragioni di psicoacustica, avvalorate con l'algoritmo dello standard, e deliziare gli appassionati di MP3, senza aprlare di I-Tunes, il codec con le prestazioni maggiormente minoritarie rispetto agli altri codec, spopolato nei player come nei telefono della casa produttrice.
So - come lo sapete voi - che la discoteca è un ambient ediverso, ove conta la pressione sonora e l'affidabilità del sistema, ove il frasuono di certo con consente di valorizzare il dettaglio della traccia PCM, ma è altrettanto vero che, la quialità della sorgente e del trattamento in generale della catena di riproduzione ha preso una strada che è "lungi" dall'essere considerata HI-END, anzi è END.
Non voglio entrare poi nel emrito delle scelte dei proprietari dei locali e dei service che devono combattere con i preventivi al ribasso, ma spesso vedo soluzioni discutibili, con cablaggi che sono un groviglio di cavi da 4 soldi, come del resto ampli sempre in saturazione, DJ che pilotano i fader dei medi/acuti sempre a fondo corsa a destra, con i led-master sempre sul rosso...disposizioni dei deiffusori senza razio....insomma ce né da dire....!
Non so se voi siete d'accordo con me, ma io la penso in questi termini, ho imparato che una buona riproduzione inizia dal master di registrazione, per questo vi invito a vedere un video su You-Tube che posto qui a seguito:Thiel cs 2.4, Mark Levinson 336 and Wadia 581 part 1
In questo video è rappresentata una registrazione di altissimo livello, che fa capire dove si è persa la qualità, è un impianto HI-END.
Con quello che ho scritto non voglio insegnare a nessuno, ma io la penso così....

elettro
Messaggi: 1756
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: impianti per la discoteca

#27 Messaggio da elettro » giovedì 9 maggio 2013, 17:51

Dimenticavo un passaggio, riprendo le vostre considerazioni, voi sentite dei bassi poco convincenti, le trombe cupe..strani effetti...rileggete il mio commento sulle tecnologie degli ampli classe D, e sugli algoritmi di comressione audio, poi, troverete la risosta, in un banale MP3, o I-Tune è facile trovare una compressione tale da rendere l'esposizoone sonora come si dice in gergo "metallica", enfatizzata da driver a compressione spinti a 120 dBm...
Prima di valutare i diffusori, bisogna chiedersi cosa c'e' come format...i DJ che portano il Mac in console...che format usano..??
Oppure driver che lavorano con un segnale acclarato dal soft - clipping degli ampli che devono intervenire di continuo....

F.Calabrese
Messaggi: 37016
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: impianti per la discoteca

#28 Messaggio da F.Calabrese » venerdì 10 maggio 2013, 0:34

Anni fa dovevo fare delle misure di rumore di fondo su un grande impianto P.A.... questo:

http://nuke.fabriziocalabrese.it/Portal ... vea_05.jpg

Tre fonici stavano chiacchierando tra loro ed uno se ne uscì dicendo: "Ragazzi... ieri sera ho ascoltato uno di quei vecchi impianti a tromba a quattro vie... Accidenti.. Andavano alla grande anche senza compressione...!!!

Orecchie esperte, ma rassegnate al degrado...!

Saluti
F.C.

elettro
Messaggi: 1756
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: impianti per la discoteca

#29 Messaggio da elettro » venerdì 10 maggio 2013, 20:29

Come ho già detto, inutile sentire diffusori ed esporre commenti quando essi sono concatenati a una filiera non all'altezza ....
COmuque, come sappiamo, a parte i grandi club di Ibiza, e qualche locale in Italia, ormai si volge ad ogni espediente per limitare le spese di esercizio dell'impianto...

elettro
Messaggi: 1756
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: impianti per la discoteca

#30 Messaggio da elettro » domenica 11 dicembre 2016, 12:10

Negli impianti da Discoteca trovo sovente il Dj col suo Mac- a seguito , ed un esuberante controllo a feedback della dinamica con compressori e limitatori.
Il codec audio del Mac (ovvero il proprietario di quel brevetto) che i DJ usano con tracce pre-caricate è ormai dirompente, lo usano in molti.
Mentre i controlli di feedback fanno il resto, i vecchi impianti con vinile vantavano una dinamica decisamente più esuberante ( e non di poco), ed i controlli limitatori erano ancora analogici.
Ora - i mixer compensano già i picchi come limitatori e governano la catena di Feedback, alla fine c'e' da chiedersi: Chi è il costruttore più avanzato come prestazioni con queste premesse, difficile dirlo.
Per il momento il Funktion mi pare il migliore ascoltato, la sola nota rilevante la posto sulla loro famosa tromba dei medio-bassi, evoluzione della vecchia Turbosound con i siluri centrali. Il resto mi pare la solita minestra, trombe rovesciate, e sub canonici. Discorso diverso per le loro mega-horn, siano esse Low o Medio-Alti come quelle della Olimpiadi di Soki.

Rispondi