Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

rubik
Messaggi: 64
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2014, 14:47

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da rubik » venerdì 12 gennaio 2018, 23:40

F.Calabrese ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 20:26
elettro ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 19:44
Scusa, ma il reflex è vista - quando risuona correttamente per la frequenza di progetto - come una radiazione supplementare che si deve aggiungere alla primaria del woofer per rinforzare una porzione di frequenza.
Esatto... al di sopra della risonanza del condotto le due emissioni (woofer e condotto) sono in fase e si sommano.

Al di sotto della risonanza però sono in controfase e si cancellano tra loro; per questo la pendenza di attenuazione è più alta rispetto a quella delle casse chiuse.

Saluti
F.C.
eh si, bei tempi quelli delle casse chiuse.
mpfff... quelle con una sola s pero' :P
rotfl, scusate ma non ho resistito alla bischerata delle 11,30 :P

F.Calabrese
Messaggi: 30737
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da F.Calabrese » sabato 13 gennaio 2018, 0:38

Immagine

rubik
Messaggi: 64
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2014, 14:47

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da rubik » sabato 13 gennaio 2018, 8:58

rubik ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 23:40
F.Calabrese ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 20:26
elettro ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 19:44
Scusa, ma il reflex è vista - quando risuona correttamente per la frequenza di progetto - come una radiazione supplementare che si deve aggiungere alla primaria del woofer per rinforzare una porzione di frequenza.
Esatto... al di sopra della risonanza del condotto le due emissioni (woofer e condotto) sono in fase e si sommano.

Al di sotto della risonanza però sono in controfase e si cancellano tra loro; per questo la pendenza di attenuazione è più alta rispetto a quella delle casse chiuse.

Saluti
F.C.
eh si, bei tempi quelli delle casse chiuse.
mpfff... quelle con una sola s pero' :P
rotfl, scusate ma non ho resistito alla bischerata delle 11,30 :P
qua fra casse chiuse, reflex posteriore e casse trombate... si fa presto a degenerare :lol:

Audiomat
Messaggi: 143
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 14:28
Località: Roma

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da Audiomat » sabato 13 gennaio 2018, 16:18

elettro ha scritto:
venerdì 12 gennaio 2018, 19:44
Scusa, ma il relex è vista - quando risuona correttamente per la frequanza di progetto - come una radiazione supplementare che si deve aggiungere alla primaria del woofer per rinforzare una porzione di frequanza.
Altri costruttori come le Thiel, adottano radiatori passivi al posto dei reflex.
Attendo Fabrizio...per una eventuale correzzione alla mia analisi.
Sì, è vero, l'emissione del reflex di somma a quella del woofer. Ma alle frequenze alle quali emette il reflex, il wf sta fermo, e non emette nulla. e proprio per questo motivo il reflex serve a diminuire l'escursione del wf e con essa la distorsione, e non il contrario.
tutto ciò al di sopra della frequenza di risonanza. al di sotto, come scritto da fabrizio, le emissioni si sottraggono. inoltre il wf lavora senza il freno del volume di carico, quindi si muove e distorce più di una sp.

condotto o radiatore passivo poco cambia per quanto riguarda queste considerazioni.

A presto,
Mattia

F.Calabrese
Messaggi: 30737
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da F.Calabrese » sabato 13 gennaio 2018, 17:14

Audiomat ha scritto:
sabato 13 gennaio 2018, 16:18
Sì, è vero, l'emissione del reflex di somma a quella del woofer. Ma alle frequenze alle quali emette il reflex, il wf sta fermo, e non emette nulla. e proprio per questo motivo il reflex serve a diminuire l'escursione del wf e con essa la distorsione, e non il contrario.
tutto ciò al di sopra della frequenza di risonanza. al di sotto, come scritto da fabrizio, le emissioni si sottraggono. inoltre il wf lavora senza il freno del volume di carico, quindi si muove e distorce più di una sp.

condotto o radiatore passivo poco cambia per quanto riguarda queste considerazioni.

Quoto e sottoscrivo... :D

(che bellezza veder rispondere al mio posto...!) ;)

Saluti
F.C.

eugenio_prete
Messaggi: 1264
Iscritto il: martedì 6 agosto 2013, 12:21
Località: Venafro

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da eugenio_prete » sabato 13 gennaio 2018, 18:12

F.Calabrese ha scritto:
giovedì 11 gennaio 2018, 13:35
Uno dei motivi per cui si collocano i condotti reflex sul lato posteriore è quello di attenuare i rumori da "soffiamento" e -comunque- i prodotti di distorsione che questi condotti inevitabilmente producono, e che sono composti anche di armoniche di elevato ordine.

In questi casi, la distanza minima dalla parete posteriore dovrebbe essere pari ad almeno tre volte il diametro del condotto.

Ogni condotto (o woofer) muove in effetti una semisfera di aria il cui diametro è poco più di una volta e mezza quello del condotto o cono del woofer.

Saluti
F.C.
Il reflex posteriore ha degli svantaggi oltre quello di non poter appoggiare la cassa al muro?
Pseudobbistagnurant

elettro
Messaggi: 1543
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da elettro » martedì 16 gennaio 2018, 14:26

Mah..di concetto - con alte potenze e transienti - si può generare il classico "soffio"..di fatto, il reflex delinea quasi sempre una enfasi nella porzione di frequenza di risonanza, poi sotto un taglio netto, e una depressione a cavallo della enfasi a salire con la frequenza, quersto in linea di massima.Non è lineare come una caricamnto a tromba, ma in certi casi con lo chassis a RD è l'unica soluzione per ottimizzare la rispota all'estremo inferiore del woofer. Spero di non avere scritto eresie, poi Fabrizio mi correggerà se ho peccato. :idea:

Ute
Messaggi: 703
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 17:16
Contatta:

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da Ute » martedì 16 gennaio 2018, 16:17

Guarda che il reflex può essere lineare come una spada, è solo questione di progetto. Molto più difficile che sia lineare una tromba...per questioni di manico principalmente...

elettro
Messaggi: 1543
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: Domanda: Reflex posteriore - distanza parete

Messaggio da elettro » giovedì 18 gennaio 2018, 12:47

Forse a livello teorio o modello matematico.

Rispondi