Ampli in corrente italiano

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

Rispondi
F.Calabrese
Messaggi: 34420
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Ampli in corrente italiano

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 15 aprile 2019, 9:53

Sabato scorso, all'Auditorium Parco della Musica, si poteva vedere ed ascoltare un interessante ampli con controreazione anche in corrente, progettato dall'Ing. Giovanni Romeo, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Questo è uno dei suoi interessanti manifesti:

Immagine

L'idea di per sé non è nuova: se ne parla sul Journal of AES dagli anni '70 almeno.

Però è una gran cosa che la questione finalmente ritorni all'attenzione, non solo sulle pagine di questo Forum.

Saluti.
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 34420
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 15 aprile 2019, 15:10

Nei primi anni '80 la Crown produsse un vero mostro: il Delta Omega 2000, che aveva l'impedenza d'uscita regolabile...

Immagine

Purtroppo in Itala non vennero importati, sia per il costo elevato che -soprattutto- perché andavano impiegati con competenza.

Saluti
F.C.

bepi67
Messaggi: 2868
Iscritto il: venerdì 15 ottobre 2010, 16:49

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da bepi67 » lunedì 15 aprile 2019, 21:38

Sarebbe interessante capire il motivo per cui all'INGV ci si occupi di apparecchi audio......

B67
Sono solo un appassionato......di lavatrici sonore !

Gios
Messaggi: 372
Iscritto il: lunedì 5 gennaio 2015, 18:54

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da Gios » lunedì 15 aprile 2019, 23:17

bepi67 ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 21:38
Sarebbe interessante capire il motivo per cui all'INGV ci si occupi di apparecchi audio......
Beh, magari perché l'ing. Romeo ci lavora e l'INGV gli "sponsorizza" la ricerca mettendogli a disposizione i "mezzi" o concedendogli il tempo
…e poi c'è la frequenza di Schumann che sicuramente interessa anche quelli dell'INGV :)
oppure, andreottianamente parlando, l'etichetta "INGV" aiuta...

Gio

Sandrelli
Messaggi: 59
Iscritto il: martedì 19 giugno 2018, 18:09

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da Sandrelli » martedì 16 aprile 2019, 10:57

sulla stessa strada gli ampli di Kaneda
https://www.google.com/search?q=kaneda+ ... XlgI2rkMYM:

Max
Messaggi: 1603
Iscritto il: martedì 12 giugno 2012, 20:48
Località: ...

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da Max » martedì 16 aprile 2019, 12:34

Gios ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 23:17
bepi67 ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 21:38
Sarebbe interessante capire il motivo per cui all'INGV ci si occupi di apparecchi audio......
Beh, magari perché l'ing. Romeo ci lavora e l'INGV gli "sponsorizza" la ricerca mettendogli a disposizione i "mezzi" o concedendogli il tempo
…e poi c'è la frequenza di Schumann che sicuramente interessa anche quelli dell'INGV :)
oppure, andreottianamente parlando, l'etichetta "INGV" aiuta...

Gio
La frequenza di Schumann non c'entra una beata fava con l'audio ;)

elettro
Messaggi: 1703
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da elettro » martedì 16 aprile 2019, 20:14

Veramente molto interessante….molto...ringrazio Fabrizio per la esposizione di quel Crown che non conoscevo.

Mi chiedo se un amplificatore a corrente ha una risoluzione ai bassi livelli come uno in tensione e se fronte di salita e smorzamento sono equiparabili. :idea: :idea:

F.Calabrese
Messaggi: 34420
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Ampli in corrente italiano

Messaggio da F.Calabrese » martedì 16 aprile 2019, 20:32

elettro ha scritto:
martedì 16 aprile 2019, 20:14
...
Mi chiedo se un amplificatore a corrente ha una risoluzione ai bassi livelli come uno in tensione e se fronte di salita e smorzamento sono equiparabili...
Se l'ampli è ben progettato, non dovrebbero esserci problemi, anzi...

Saluti
F.C.

Rispondi