Monaco 2019: come è andata ?

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

Rispondi
F.Calabrese
Messaggi: 35515
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da F.Calabrese » martedì 14 maggio 2019, 14:42

Parto da questo interessante spunto:
Silvanik ha scritto:Devo dire che io mi trovo un po' in difficoltà a dare una valutazione dettagliata e attendibile della qualità sonora degli impianti che si possono ascoltare in allestimenti tipo quelli di Monaco quando la musica proposta non sia di mia conoscenza perché mi mancano i riferimenti e spesso gli operatori sono restii a farti scegliere artista e brani e anche a farti connettere il tuo HD in caso della liquida. Non è una critica ma una mera constatazione personale, quindi, tutto ciò premesso per quanto mi riguarda la visita vale certamente la pena, ci tornerò ma non sono in grado di dare sentenze, specialmente, ripeto, dove mi trovo "spiazzato"


Ragioniamoci insieme: l'appassionato che ha bisogno dei suoi brani è -in fondo- quello che giudica tutto in funzione della somiglianza o meno del suono che ascolta rispetto a quello del suo impianto, in funzione del quale ha appunto scelto i brani di prova.

E' anche logico sospettare che gli espositori abbiano fatto lo stesso, scegliendo i LORO brani di prova in funzione del miglior risultato che questi garantiscono al LORO impianto.

Eppure è così facile evitare di cadere in questa trappola logica !!!

Pensateci per un attimo...

Ecco... se voi entrate in una saletta ed ascoltate il solito brano "plin plin", potete uscire e ritornarci... e se altre due-tre volte troverete in ascolto solo brani "plin plin"... beh... mica ci vuole un'aquila per capire che l'impianto che si dimostra in quella saletta è sicuramente una ciofeca in termini di dinamica !!!

Perché vedete... gli espositori non sono mica scemi, per cui avrebbero loro per primi l'interesse a dimostrare con brani di tutti i tipi, qualora i loro impianti "ce la facessero" a riprodurli correttamente...!!!

Mi spiace dover fare un esempio personale, ma è troppo più facile farlo per me: io faccio sempre ascoltare (quando mi viene consentito) alcuni brani a livelli bassissimi, come p.es. Aleas & Girodo, in cui si sentono bene i rumori dei polpastrelli del chitarrista che scorrono sulle corde, a qualcosa come 50 dB"A" o meno ancora... Poi passo alla musica barocca, sempre a meno di 70 dB"A" medi. Poi ancora passo a brani tipo la "Canzone di Marinella" (con un ottimo pianoforte iniziale) o Guantanamera (con una voce femminile strepitosa e perfettamente centrale). Quindi seguo con brani di orchestra (Apprendista Stregone, Uccello di Fuoco, Porgy and Bess), che si ascoltano a livelli crescenti. Seguono i soliti brani jazz (p.es. Take Five o Marsalis) per gli irriducibili e dopo ancora si va in salita (di SPL), con Hope di H. Masekela ed altri brani moderni, fino al solito finale a 120 e passa dB con Another Brick in The Wall, dei Pink Floyd. Dopodiché pausa pranzo... o cena.

Vi aggiungo un altro esempio, di cui però non ricordo i titoli dei brani. Anni fa per dimostrare le Grand Utopia EM, la Focal scelse una scaletta di brani uno meglio dell'altro, ma tutti con un basso profondo assai scuro e tendenzialmente poco articolato, che però risultava riprodotto benissimo dalle EM. Una scelta geniale, ma che tradiva il vero problema di quei diffusori: bastava ragionarci per un attimo. Ovviamente erano tutti brani a livelli compresi tra 80 e 90 dB"A"...

Ecco... io vorrei tanto che qualcuno mi riferisse di aver ascoltato una scaletta del genere a Monaco...

Saluti
F.C.

aldusmanutius
Messaggi: 304
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 16:03

Re: Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da aldusmanutius » martedì 14 maggio 2019, 17:54

Fabrizio fai una supposizione tutta personale e che potrebbe essere tranquillamente ribaltata.
chi ti ha detto che a Monaco la gente ascolta solo i "plin-plin" ?
ci sono stato molte volte (non quest'anno); riconosco che molte sale potrebbero osare di più, in tanti, ma non sono pochi i casi in cui si senta anche dare una bella sgasata in decibel. e anche sulla programmazione guarda che è sempre articolata e varia.
ok, tanti sono attenti a valorizzare il proprio prodotto (tu citi Focal io ad esempio lo stand Audionote che ha da sempre una programmazione estremamente accorta a escursioni contenute). Ma ci sono altri che spaziano sul serio. Barber & Krall le abbiamo sentite in tutte le salse ma non si può negare che siano due interpreti di grande livello; hanno solo il difetto che le registrazioni sono mediamente molto molto curate.
e credo che non lo facciano troppo spesso perchè uno dei problemi del MOC è la contiguità delle sale, per cui oltre una pressione piuttosto sostenuta il suono è chiaramente avvertibile nelle due sale adiacenti. quindi il problema è di non belligeranza con i colleghi-competitors.
quando la finirete di avercela con questa storiella dei "plin-plin" "zin-zin" ?
ascolto anche medioevale, trii barocchi e quintetti e allora? credi che non abbiano bisogno di equilibrio timbrico, dettaglio, nuances ecc. ecc. ecc. ecc?
c'è un'infinità di musica che vuole per sua natura pressione sonora BASSA; ma che ha altre priorità.
la dinamica e l'spl son fondamentali ma non sono la sola cosa a cui guardare.

il punto è che il MHE resta la mostra più significativa a livello mondiale, tu non ci sei e gli assenti per definizione hanno sempre torto.

F.Calabrese
Messaggi: 35515
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da F.Calabrese » martedì 14 maggio 2019, 18:43

aldusmanutius ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 17:54
...
quando la finirete di avercela con questa storiella dei "plin-plin" "zin-zin" ?
ascolto anche medioevale, trii barocchi e quintetti e allora? credi che non abbiano bisogno di equilibrio timbrico, dettaglio, nuances ecc. ecc. ecc. ecc?
c'è un'infinità di musica che vuole per sua natura pressione sonora BASSA; ma che ha altre priorità.
la dinamica e l'spl son fondamentali ma non sono la sola cosa a cui guardare.

il punto è che il MHE resta la mostra più significativa a livello mondiale, tu non ci sei e gli assenti per definizione hanno sempre torto.
Concordo in generale, ma le mie esperienze in questi ultimi anni mi hanno convinto del fatto che un buono standard di resa è ottenibile -con brani da ascoltare a 70-75 dB"A"- anche con impianti economicissimi, mentre certe cifre -diciamo dai 30K in sù- sono giustificabili solo quando l'impianto in questione è veramente in grado di suonare bene con TUTTI i generi musicali, ivi incluse le grandi Orchestre con relativi cori.

Il rischio mortale che corre l'attuale Hi-End è proprio quello di vedersi sbriciolare il terreno da sotto i piedi quando anche gli audiofili si renderanno conto di questo.

Che ne pensi...?

Saluti
F.C.

aldusmanutius
Messaggi: 304
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 16:03

Re: Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da aldusmanutius » martedì 14 maggio 2019, 18:59

beh si Fabrizio
il tuo ragionamento corre senz'altro.
riuscire a fare un ascolto completo ed appagante a bassi livelli è prerogativa quasi sempre di pochissimi sistemi.

sul mercato che si sbriciola temo che tu non abbia torto, uso questo termine con cautela, non mi fa piacere che ciò avvenga (credo che invece tu per altri motivi ne goda un poco) ma il punto è che se questo avviene (indipendentemente dalle numerose ragioni effettive) è la fotografia dello stato economico mondiale, a partire da quello italiano che è uno di quelli in maggiore sofferenza.

chi vivrà vedrà...

F.Calabrese
Messaggi: 35515
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da F.Calabrese » martedì 14 maggio 2019, 19:47

aldusmanutius ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 18:59
...
sul mercato che si sbriciola temo che tu non abbia torto, uso questo termine con cautela, non mi fa piacere che ciò avvenga (credo che invece tu per altri motivi ne goda un poco) ma il punto è che se questo avviene (indipendentemente dalle numerose ragioni effettive) è la fotografia dello stato economico mondiale, a partire da quello italiano che è uno di quelli in maggiore sofferenza...
Ti assicuro che sono assolutamente l'ultimo a goderne, come puoi ben capire.

Però io credo che in questi anni siano stati fatti errori enormi, come appunto quello di mandare allo sbaraglio TROPPI prodotti -diversi solo per l'imballo- e con un contenuto troppo povero per giustificare le cifre richieste.

E' normale che -quando i potenziali clienti si accorgono di essere presi per i fondelli- poi si rivolgano ad altri settori di spesa.

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35515
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Monaco 2019: come è andata ?

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 15 maggio 2019, 17:56

Ecco uno dei commenti più intelligenti che io abbia letto in questi giorni...
ST1971 ha scritto:piu' scorro le immagini di questo monaco hi-end e piu' mi si insinua un altro pensiero inquietante in testa, ma non e' che anche i progettisti stanno finendo le idee o peggio ancora non ne hanno di veramente nuove e quindi stanno ormai raschiando il fondo del barile riciclando quelle vecchie? Per come la vedo io non basta un design piu' spinto (e tammarro) e qualche condensatore migliore sul percorso per aumentare davvero la qualita' dell'ascolto...

E' un po' come se lo slogan di questa mostra fosse "venghino vecchie cariatidi venghino che vi abbiamo riscaldato per l'ennesima volta il vostro avanzo". un po' come la ribollita, solo che questa migliora sempre di piu', mentre la riproduzione casalinga pian pianino si va a spegnere...
Ed io cosa dico...? ;) ;) ;) ;) ;) ;) ;)

Saluti
F.C.

Rispondi