Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

vincenzo_uli
Messaggi: 73
Iscritto il: lunedì 18 novembre 2013, 12:36

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da vincenzo_uli » giovedì 11 luglio 2019, 12:04

Le nuove leve ci sono, ve lo assicuro. Sono anche ottimamente informate (quelli che la musica la ascoltano solo) e formate (quelli che la musica la fanno e la registrano). Il problema, semmai, come sottolinea Fabrizio in ogni dove, e' che in commercio ci sono migliaia di articoli e centinaia di migliaia di possibili permutazioni tra i vari elementi che compongono un impianto. Risultato? Tanta confusione e nessuna reale innovazione che faccia muovere il giovane appassionato oltre le (ottime talvolta!) casse amplificate da studio.

Quello sui 40 (come me) e' alla ricerca della compatibilita' di un impianto ottimamente suonante con la vita da uomo di famiglia (moglie, figli, salotto = sala d'ascolto) e con un appartamento in centro. Anche se la disponibilitä economica c'e', il mercato non offre nulla di sostanzialmente migliore rispetto alle pluricitate indiana line.

Quelli sui 50 e oltre hanno immolato capitali (mediamente) ingenti alla ricerca di un ideale audiofilo instillatogli (ed idealizzato) dalla stampa di settore. A causa dei prezzi hifi in costante ed iperbolico aumento, molti di loro hanno gettato la spugna e, purtroppo, ciö che avrebbe dovuto costituire il mezzo per supportare la loro passione ne e' stato paradossalmente il carnefice. In pratica hanno smesso di andare ai concerti live.

Le sue soluzioni Fabrizio le ha giä messe sul tavolo ma presentano tutte un evidente problema di "targeting":
1. una non e' veramente rappresentativa della sua filosofia progettuale, ancorche' ottimamente suonante (monovia)
2. le altre (poliedro e a salire) sono anni luce distanti dai profili 1 e 2 sopracitati. Il profilo 3 non puo' essere interessato, come visto.

La mia soluzione la vado ripetendo da un pö anche in privato a Fabrizio. Pricing "entro e non oltre" i 5k per un impianto completo che, a partire da una cineseria qualsiasi, riesca a dare un 80% di quello che fa un Poliedro. Fattibile? Assolutamente si!
Il punto e' che effettivamente ci guadagna di piu' come fa adesso: vendere poco e a (relativamente) tanto.

Altra possibile soluzione? Un kit a partire da due o tre coppie di indiana line. Si sta entro i 2k, sono rifinite il giusto, non si svelano le accortezze di design che e' legittimo preservare per i modelli grossi e si cattura un buon 30%-40% di clientela potenziale. Mi accoderei per una cosa simile? Ci potete scommetere!

dgs
Messaggi: 49
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2019, 21:34

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da dgs » giovedì 11 luglio 2019, 14:03

Sono felice del fatto che le nuove leve di sono, meno male...
Io ne conosco veramente pochissime, come anche nuove leve che fanno musica.
Ma ripeto meno male che tu confermi che ci sono, e mi auguro siano almeno il 30 40 percento dei giovani come era tempo fa.
Sul fatto che non esista nulla e sostanzialmente migliore delle indiana line, sono molto perplesso, secondo me esistono molti diffusori nettamente migliori
Ma poi i gusti non si discutono
Gli over 50, parlo per me, ovviamente hanno letto le riviste, ascoltato tutto l'ascoltabile e frequentato concerti ad ogni occasione, cosa che faccio ancora, e le scelte sono dettate solo dall'esperienza, dai confronti e dalle prove, in questo poche idealizzazioni e molta esperienza.
Mi auguro che le tue soluzioni con le indiana line e le cineserie siano la vera ed unica soluzione, almeno si rivitalizzerà la nostra meravigliosa passione.

danco
Messaggi: 255
Iscritto il: domenica 21 agosto 2011, 10:27

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da danco » giovedì 11 luglio 2019, 15:19

Purtroppo i kit, per come sono stati proposti fino ad ora, sono sicuramente una buona idea ma contemporaneamente sono una pessima soluzione.
La gente normale vuole cose magari buone, ben suonanti, ma normali, cioè installabili senza nessun tipo di customizzazione o tuning.
Questo forum ne è stato la prova, negli ultimi tre mesi ho contato almeno tre o quattro nuovi iscritti che chiedevano lumi su possibili configurazioni. Di fronte alla proposta delle quattro indiana line da sistemare in un certo modo, con la bobina di filtro e il tweeter scollegato sono spariti dalla circolazione.
Per esperienza personale vi dico che i giovani, se ben indirizzati, la differenza tra la lattina della Bose e un sistema di buon livello la sentono eccome.
Ma non gli si possono proporre soluzioni di un certo tipo perchè non ti seguiranno mai.

Danilo

vincenzo_uli
Messaggi: 73
Iscritto il: lunedì 18 novembre 2013, 12:36

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da vincenzo_uli » giovedì 11 luglio 2019, 15:42

Beh, bisognerebbe pensarla bene, ovviamente.

Ma se il kit consistesse in un semplice manualetto spiegato bene passo passo e la componentistica che serve per metterlo assieme? Il giovane volenteroso comprerebbe le casse necessarie (4/6/8..magari anche nel seconda mano), seguirebbe, a suo rischio ovviamente, le indicazioni ivi contenute e avrebbe cosi' un ottimo sistema anti-lattine Bose e, nel contempo, si sara' pure divertito. Non era questo spirito DIY che mosse la grande hifi degli albori? Io non c'ero ancora ma voi potete di certo confermare.

A Fabrizio si chiede solo di approntare un bel progettino convincente su un pezzo di carta, impacchettare i componenti necessari a realizzarlo e guadagnarci su 3 o 4 volte tanto, come si direbbe in circostanze simili, "hassle-free". :D

Questo e' solo il mio punto di vista, ovviamente.

ps: anche taluni modelli attuali di Elac non sono malaccio...magari si possono abarthizzare...

Giu-no
Messaggi: 510
Iscritto il: giovedì 25 agosto 2016, 8:17
Località: Novara

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da Giu-no » giovedì 11 luglio 2019, 20:02

Ho ascoltato le Elac debut b5.2 e per 270 eur non mi sembravano male. Penso ad un giovane: nella sua camera sicuramente piccola preferirebbe mettere quelle (magari con un sub in qualche angolo) oppure 4 indiana line? Lo stesso vale per uno studio per ascoltatori meno giovani. Se vogliamo in questo forum invogliare nuovi appassionati é necessario dare soluzioni semplici e stimolare la curiositá e la voglia di approfondire. La soluzione 4 indiana line la vedo utile solo a scopo didattico, ma poco pratica.

dgs
Messaggi: 49
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2019, 21:34

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da dgs » giovedì 11 luglio 2019, 20:08

discorso difficile...ma non credo che il punto sia se usare indiana line o simili prodotti,
ma il problema è far nascere e sviluppare una passone che poi porta a cercare di avre prodotti di alto livello sonoro.
cercare emozioni cercare sensazioni che solo sistemi audio prestanti veramente possono dare...
il problema da risolvere secondo me è far rinascere interesse e voglia di coltivare un hobby, tutto quà...

bepi67
Messaggi: 2870
Iscritto il: venerdì 15 ottobre 2010, 16:49

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da bepi67 » giovedì 11 luglio 2019, 21:30

Mah, voi pensate che la gente voglia mettersi in casa sistemi multiamplificati, crossover elettronici e menate del genere per ascoltare un pò di musica a casa dopo una giornata di lavoro ?
Quella è roba da smanettoni dell'elettronica, da appassionati del cavo e del saldatore.
La gente vuole apparecchi semplici da usare, bensuonanti, deve poter mandare lo streaming dal telefonino o dalla radio internet in tempo reale, non vuole impazzire con regolazioni e follie del genere.
Ed io, sinceramente, li capisco.
L'hobby dell'audio tecnico è relegato a pochi, ma pochi appassionati...un pò come i radioamatori.

B67
Sono solo un appassionato......di lavatrici sonore !

F.Calabrese
Messaggi: 35385
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da F.Calabrese » giovedì 11 luglio 2019, 23:33

Siete meravigliosi, a volte...

Domani in tarda mattinata conto di rispondere: ora sono stanchissimo dopo una giornata veramente da brividi.

Saluti
F.C.

oblomov
Messaggi: 479
Iscritto il: mercoledì 29 gennaio 2014, 0:32

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da oblomov » venerdì 12 luglio 2019, 0:18

F.Calabrese ha scritto:
mercoledì 10 luglio 2019, 23:47
dgs ha scritto:
mercoledì 10 luglio 2019, 22:16
dalla mia personale esperienza da vecchio audiofilo, che tanti anni fà sono stato traviato da un'articolo di stereoplay sulla multiamplificazione, che da allora è il mio credo...
Se è l'articolo pubblicato su supplemento Stereobest, allora l'ho scritto io... :oops:

Saluti
F.C.
idem ed impressionante un VERO cross passivo jap

vincenzo_uli
Messaggi: 73
Iscritto il: lunedì 18 novembre 2013, 12:36

Re: Medioevo dell'Audio: possiamo fare qualcosa ?

Messaggio da vincenzo_uli » venerdì 12 luglio 2019, 12:06

L'efficacia sia commerciale che didattica di taluni kit/progetti e' ormai evidente nel segmento delle elettronche (Bottlehead, Decware, First Watt, etc.). Siamo perö (spero) consci del fatto che l'elemento maggiormente critico nella riproduzione hifi siano i diffusori unitamente al loro interfacciamento con le elettroniche.

Cosa ci sarebbe di male nel proporre un progetto didattico (ma anche immediatamente implementativo) che spieghi chiaramente come e perche' si deve operare una certa modifica ad un design giä esistente? Quali le interazioni delle elettroniche con i diffusori? E magari anche una sezione dedicata al digitale (crossover, equalizzazione, etc.).

Io sottoscriverei il progetto un pö per la curiositä di vedere dove si puö arrivare con un design assennato (a patto di partire perö da un prodotto giä finito), ma soprattutto per comprendere cosa guardare in design piu' costosi e performanti e capire se i 20k-30k sono ben spesi o se magari e' semplicemente marketing. La componente didattica sarebbe ovviamente prevalente e costituirebbe, dal mio punto di vista, un modo stupendo per imparare facendo.

Rispondi