Annosa questione Burn-in

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

violone 32'
Messaggi: 4452
Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:05

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da violone 32' » sabato 4 agosto 2018, 11:14

...ieri sera guardavo un film..ho un piccolo impianto con due Jbl a tre vie in libreria" annegate" nei libri ( si sente molto bene e scendono moltissimo messe cosi .....non sento il bisogno di un sub nemmeno per i film fracassoni ) siccome all'ampli c'è attaccato di tutto per necessità ho aggiunto due cavi rca fatti arrivare dal solito Tohmann ( i suoi cavi nominati snake ) dal costo di una marinara la coppia da un metro e mezzo ...appena iniziato il film che conosco a memoria ma aiuta quando si muore di caldo ( Blade runner ) mi dico...cavolo che cavi che asciugano il suono.....a metà film i cavi non li ascoltavo più...c'era solo il film.....suggestione ...solo suggestione ed è facile cascarci...

Alexmaso69
Messaggi: 252
Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 18:00

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da Alexmaso69 » sabato 4 agosto 2018, 20:50

Mah sai, uno che ha studiato fisica al massimo accetta che ci possano essere differenze (di conduzione ma non udibili) tra rame e ferraccio di scarto quando ci sono in ballo quantità di corrente al limite rispetto il diametro del conduttore.
Per tutto il resto si fa una grossa risata.
Per l'amico Lince, Fabrizio tira fuori ben oltre 140 db indistorti con piattina da 1/1.5 mmq da 50 centesimi al metro, giusto per farti capire quanto discutiamo di cavi qui. E l'ho verificato di persona a casa di Fabrizio.
Questo per dire che, una volta ascoltato un sistema di Fabrizio, pensi solo a che dischi comprare.

Kind of Blue
Messaggi: 37
Iscritto il: venerdì 29 dicembre 2017, 15:51

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da Kind of Blue » giovedì 9 agosto 2018, 12:24

Bah, sul burn-in non ho dubbi: le caratteristiche di un metallo non cambiano col tempo, a meno che non sia sollecitato meccanicamente e termicamente in modo pesante.
Sulla differenza tra un cavo e un altro andrei, invece, più cauto: la purezza del rame e la sua sezione, ad esempio, incidono sicuramente sulla sua conduttività elettrica. Che poi queste differenze siano percepibili dal nostro apparato uditivo, è tutto da dimostrare (e qui entrano in gioco altri fattori psicoacustici, suggestioni, effetto placebo. ecc.).

F.Calabrese
Messaggi: 33023
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da F.Calabrese » giovedì 9 agosto 2018, 12:38

Kind of Blue ha scritto:
giovedì 9 agosto 2018, 12:24
...
Sulla differenza tra un cavo e un altro andrei, invece, più cauto: la purezza del rame e la sua sezione, ad esempio, incidono sicuramente sulla sua conduttività elettrica. Che poi queste differenze siano percepibili dal nostro apparato uditivo, è tutto da dimostrare (e qui entrano in gioco altri fattori psicoacustici, suggestioni, effetto placebo. ecc.).
NO... non sono assolutamente percepibili... tant'è che in cieco non si avvertono MAI. :shock:

Ovviamente parlo di cavi di sezione adeguata... 8-)

Saluti
F.C.

Kind of Blue
Messaggi: 37
Iscritto il: venerdì 29 dicembre 2017, 15:51

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da Kind of Blue » giovedì 9 agosto 2018, 12:46

F.Calabrese ha scritto:
giovedì 9 agosto 2018, 12:38
Kind of Blue ha scritto:
giovedì 9 agosto 2018, 12:24
...
Sulla differenza tra un cavo e un altro andrei, invece, più cauto: la purezza del rame e la sua sezione, ad esempio, incidono sicuramente sulla sua conduttività elettrica. Che poi queste differenze siano percepibili dal nostro apparato uditivo, è tutto da dimostrare (e qui entrano in gioco altri fattori psicoacustici, suggestioni, effetto placebo. ecc.).
NO... non sono assolutamente percepibili... tant'è che in cieco non si avvertono MAI. :shock:

Ovviamente parlo di cavi di sezione adeguata... 8-)

Saluti
F.C.
Fabrizio, converrai con me, però, che elettricamente parlando, la conduttanza dipende dalle caratteristiche del metallo e dalla sezione del cavo.
Diciamo che a parità di sezione e di qualità del rame, sentire delle differenze è praticamente impossibile.

F.Calabrese
Messaggi: 33023
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Annosa questione Burn-in

Messaggio da F.Calabrese » giovedì 9 agosto 2018, 14:41

Kind of Blue ha scritto:
giovedì 9 agosto 2018, 12:46
Fabrizio, converrai con me, però, che elettricamente parlando, la conduttanza dipende dalle caratteristiche del metallo e dalla sezione del cavo.
Diciamo che a parità di sezione e di qualità del rame, sentire delle differenze è praticamente impossibile.
Esatto... ed infatti chi sente queste differenze è semplicemente suggestionato... (tant'è che in cieco non le avverte).

Saluti
F.C.

Rispondi