Mafro... ma che gente hai intorno...???

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

Rispondi
F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » domenica 16 settembre 2018, 19:44

Proseguo in un thread distinto la disamina delle boiate pazzesche postate oggi da compagni (di sventura...) del povero Mafro, invitandolo per una volta ancora a riflettere sull'incredibile stupidità di certi loro commenti...

Leggiamo insieme questa specie di barzelletta...

Immagine

Qui il buon Tom Capraro (nomen omen...!) dimostra di non aver mai avuto in mano un vero fonometro di Classe-1.

Nei fonometri sofisticati -infatti- è possibile selezionare almeno tre diverse ponderazioni in frequenza, di cui quella che si impiega più di frequente è la cosiddetta "ponderazione A", che attenua gradualmente le frequenze al di sotto di 500 Hz ed anche un poco le altissime. Questa ponderazione si impiega spesso perché correla assai da vicino con la sensazione di livello percepita dall'ascoltatore, specie quando si media il risultato con costanti di tempo dell'ordine del secondo, o giù di lì.

Una seconda ponderazione, nota come "ponderazione C", si impiega nelle tarature dei livelli nei cinema e -da qualche anno- anche per rilevate i picchi di rumore negli ambienti di lavoro. E' una curva quasi lineare, con un minimo di filtraggio alle bassissime ed alle altissime, introdotto più che altro per far avvicinare i risultati rilevabili con microfoni con risposta estesissima in basso a quelli dei microfoni meno costosi (impiegati negli strumenti di controllo).

La terza ponderazione è quella di cui si parla nel mio post, ed è quella LINEARE (oggi chiamata spesso "ponderazione Z")... Essa non prevede altro filtraggio se non quello introdotto dalla capsula microfonica e dalle sue elettroniche, il che vuol dire 20-20.000 Hz lineari...

Dunque il povero Tom Capraro ha confuso la linearità dell'impulso con la curva di ponderazione...

Per evitare questo grossolano e patetico errore, sarebbe bastato che leggesse l'ultima riga in basso del mio grafico, dove si legge LLpk(maxP), vale a dire Livello di Picco con ponderazione Lineare.

Io insisto sul fatto che quando si è così inclini a scrivere stupidaggini, si farebbe meglio a sparire dalla circolazione, come hanno fatto ben più illustri "esperti", come Matarazzo, Majandi e via di seguito...

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 17 settembre 2018, 0:17

A questo punto dovrei raccontarvi delle ultimissime e pazzesche boiate del giorno appena trascorso... ma per oggi ne avete avute abbastanza.

Domani (lunedì) pomeriggio conto di fare due risate insieme sul fatto che Mario Bon è partito a testa bassa a dare lezioni di risposta all'impulso senza aver letto il commento al mio post iniziale... che vedete qui sotto...

Immagine

Il tapino non ha capito che trattasi di misura QUANTITATIVA e che l'eventuale conservazione della forma d'onda è solo un plus... :lol: --------- :lol: --------- :lol: --------- :lol: --------- :lol: --------- :lol: --------- :lol:

Domani vi divertirete di più: promesso !

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 17 settembre 2018, 22:39

Mario Bon ha scritto:Le misure sono state fatte in ambiente e infatti si distinguono le riflessioni delle superfici vicine.
Lasciamo perdere il "come" sono state ottenute per non perdere tempo e limitiamoci ad una sola domanda: come si fa a dire che una delle due risposte è migliore dell'altra?

Mario Bon ha scritto:Vedo che Calabrese ha già letto questi post. Forse non ha letto/visto il primo dove ci sono le due risposte impulsive cui faccio riferimento...


Ho letto... ho letto... è che mi sto divertendo troppo a vedere un simpatico autocostruttore evoluto, come te, che finisce sgonfiato come un palloncino...

Ricapitolando: a parità di woofer e di ampli (un E-800 a ponte), il diffusore a tromba (il mio Paragon) raggiunge i 143 dB ad un metro, mentre l'equivalente bass-reflex non supera i 130 dB -se ricordo- e la versione DCAC si ferma addirittura a 115 dB di Picco Lineare.

Mario Bon... secondo te queste sono differenze rilevanti...?

Hai una minima idea di quanto queste misure correlino bene con quel che si percepisce all'ascolto...???

Stiamo parlando di differenze da 20 a 600 volte...

Mi ripeto, ma sarei davvero curioso di sapere da Mafro come fa a bersi certe scempiaggini senza batter ciglio...

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 19 settembre 2018, 10:31

lo scemo del villaggio ha scritto:Tu conosci il comportamento di questi software ???...
Si dà il caso che io abbia scritto un volume di 500 pagine (A4 !), in gran parte sull'applicazione di quei tipi di software nell'ambito delle norme in materia di Inquinamento Acustico da impianti audio. E sono stato pagato (molto) dopo che una commissione tecnica ne ha accertato la correttezza.

Scommetto che di quei software tu conosci solo le sigle... :lol: ------ :lol: ------- :lol: ------ :lol: ------ :lol: ------ :lol: ------ :lol:

Però sei comico... non c'è che dire...! :lol:

Salutoni
F.C.

P.S.: Mi basterebbe domandarti se le popolazioni statistiche rilevate con constante "fast" o con Leq ogni secondo sono identiche, per scoprire che un fonometro B&K non lo sai nemmeno accendere...!!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 19 settembre 2018, 14:39

F.Calabrese ha scritto:
mercoledì 19 settembre 2018, 10:31
...
P.S.: Mi basterebbe domandarti se le popolazioni statistiche rilevate con constante "fast" o con Leq ogni secondo sono identiche, per scoprire che un fonometro B&K non lo sai nemmeno accendere...!!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Come pensate che abbia risposto lo "scemo del villaggio"...???

ma con un'altra domanda... ovviamente...!!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Lo ripeto... Mafro... non ti senti cretino a frequentare personaggi del genere...???

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 19 settembre 2018, 15:25

Abbiamo appena parlato del gatto... ed ecco la volpe...!
Torniamo un momento su questo grafico:
---Immagine---
mostra l'incremento della parte reale della impedenza di radiazione di una sfera pulsante in prossimità di unaa parete.
Una sfera pulsante è catarrerizzata dalla radiazione ominidirezionale. Ne segue che qualsiasi sorgente che presenti radiazione omnidirezionale è assimilabile ad una sfera pulsante. Quindi il risultato in grafico può essere riferito ad un woofer fino a quando irradia in modo omnidirezionale o ad una sfera pulsante. In questo caso a maggior ragione perchè si tratta di incremento (ovvero di un rapporto) che, per comodità di rappresentazione, è espresso in dB.
In questo grafico non si vedono buchi (giustamente) perchè non è una risposta in frequenza. Se lo fosse si vedrebbero buchi per interferenza a certe frequenze (dipendenti dalla distanza della sorgente dalla parete) e della posizione del microfono. Microfoni, qui, non ce ne sono e non se ne parla. Quindi stiamo attenti a chi fa confusione.
E bravo il nostro volpacchiotto... che se ne approfitta per l'ennesima volta della ingenuità e della (giustificatissima) poca conoscenza dell'Elettroacustica dei suoi lettori per far loro credere che tutti i problemi causati dal sollevamento del woofer dal livello del pavimento si riducano a nulla...!

Se avesse postato gli effetti completi... sarebbe venuto fuori qualcosa del genere: (guardate all'immagine come se la parete laterale fosse il pavimento !)

Immagine

Bravo... complimenti...!!! :lol:

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 19 settembre 2018, 18:45

Finalmente una risposta pacata ed intelligente...! (domani pioverà :lol: )
Fabrizio Calabrese ha scritto:Ancora una volta ci troviamo dinanzi ad un'occasione persa -da parte sua- di essere intellettualmente onesto e di ammettere che tra i suoi diffusori ed i miei è del tutto possibile, anzi sicuro, che ci siano differenze dell'ordine delle centinaia di volte, in termini di emissione indistorta.
In termini di emissione indistorta non so, in termini di numero di sistemi venduti (considerando solo Opera e Unison dal 2004) credo che il rapporto, a mio favore, è sicuramente superiore a 1 a mille (se non diecimila).
Ma certamente...!

E sicuramente Indiana Line vende dieci o cinquanta volte più di voi...!

E poi... vogliamo contare il numero dei "cubetti Bose" venduti su tutto il pianeta...?


Ora però ragioniamoci... Stiamo forse sostenendo la tesi che i cubetti Bose sono il massimo dell'HiFi...? :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 24 settembre 2018, 15:37

Mario Bon però continua a parlare di formulette, che non capisce lui stesso...
Mario Bon ha scritto:mi rendo conto che kr<0.5 è una disequazione, data l'avversione per le espressioni matematiche che ti contraddistingue te la risolve io:
Resta il fatto che questa misura ti dimostra che tutti i tuoi calcoli sono sbagliati. Te lo ripeto: è UNA MISURA di risposta a 0,7-1-1,4 metri...!

Immagine

Prova a spiegare questo grafico... e troverai anche l'errore nelle tue formulette !!!

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » giovedì 27 settembre 2018, 0:54

Immancabile... ecco la (seconda) cretinata del giorno...
Mario Bon ha scritto:...Comunque anche l'uso di più sub-woofer configurati a dipolo ha delle controindicazioni. Una è di ordine pratico legata al posizionamento, l'altra riguarda l'efficiena del sistema (che non è "alta").
I miei due Sub a doppia cavità, configurati a dipolo, emettevano oltre 130 dB a 4 metri di distanza con meno di mille watt a cono...

Fatevi due conti e vedrete che l'efficienza non è lontana dai 100 dB/1W/1metro... nel peggiore dei casi...

(che poi sono anche il dato misurato...)

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 35624
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Mafro... ma che gente hai intorno...???

Messaggio da F.Calabrese » domenica 7 ottobre 2018, 15:14

Mafro... dimmi la verità... avevo ragione quando ti dicevo che costui si sarebbe incartato da solo, tradendo la sua insulsaggine...? Leggi qui:
Mario Bon ha scritto:Carissimo Sig. Calabrese, io posso anche essere pedante come un professore di liceo ma è Lei che confonde il rendimento con l'SPL (e fosse solo qullo!).
Quindi cominci a chiamare le cose con il loro nome. Come ho già ricordato "in asssenza di un lessico condiviso non è possibile formulare dei ragionamenti logici".
Proprio Lei che invita spesso a "ragionare" dovrebbe esserne conscio.
Sempre che per "rgionare" intenda "applicare la logica" che richiede, come detto, un lessico condiviso.
Se ha problemi con il signifcato della parola "lessico" veda un vocabolario.
Allora, proviamo a far ragionare questo tapino.

Partiamo da una premessa: quanti costruttori di diffusori acustici specificano il rendimento delle loro creazioni in termini di efficienza percentuale...?

Quasi nessuno...e quei pochi che lo fanno spesso forniscono dati completamente sballati, ricavati dalle formulette che il nostro tapino pubblica, senza comprenderle né saperle applicare.

E' dagli anni '70 almeno che l'efficienza dei diffusori viene specificata con riferimento alla distanza di un metro e per la potenza di UN watt. Solo le aziende più sfigate -che vogliono prendere per i fondelli i loro potenziali clienti- utilizzano come riferimento il valore di tensione di 2,83 Volt (corrispondenti ad UN watt su 8 ohm, ma a DUE watt su 4 ohm e così via...). In questo modo possono "guadagnare" almeno tre deciBel di (finto) maggiore rendimento, che il povero appassionato poi però paga con la necessità di acquistare ampli con alimentazioni e stadi d'uscita surdimensionati (e che magari suonano peggio...). Si tratta dunque di una pratica truffaldina, che non fa onore a chi la spaccia per valida.

Ed il motivo per cui non si parla mai di rendimento percentuale è duplice: da una parte lo si fa per nascondere i valori veramente pietosi della massima parte dei diffusori a radiazione diretta -per i quali i rendimenti veleggiano nel range intorno allo "zero-virgola-qualcosa" per cento- mentre dall'altra parte esiste il problema che non tutti i diffusori sono progettati per lo stesso tipo di collocazione. Alcuni sono ideati per operare su stand, altri in libreria (i bookshelf) ed altri ancora a muro o in angolo (p.es. le Klipschorn). A parità di rendimento percentuale, la resa di questi diversi tipi di diffusori sarebbe necessariamente diversa, in funzione appunto.della collocazione...


Ma a quali frequenze...???

Un progettista o un esperto con un briciolo di cultura ammetterebbe con onestà intellettuale che la diversa collocazione influisce solo su un ristretto intervallo di frequenze: quelle al di sotto di 150-200 Hz. COME DIMOSTRANO LE MIE MISURE... quelle che Mario Bon non capisce e quindi non riesce a commentare.

Alle frequenze superiori il progettista esperto non può far altro che allineare la risposta, per non sbilanciare la resa di tutto il diffusore. Dunque un diffusore progettato per operare su stand (o comunque lontano dalle pareti) avrà mid e tweters attenuati in modo di allineare la risposta al livello (scarso) del woofer. A parità di trasduttori, un diffusore bookshelf potrà operare con attenuazioni minori, da 3 a 6 dB.

Lascio a Mario Bon l'occasione di chiedere scusa per aver "fatto il fighetto" veramente a sproposito...
(altro che "professore di liceo"... qui siamo ancora alle elementari dell'Elettroacustica !!!)

Salutoni
F.C.


Rispondi