La monnezza (audio) ci sommergerà...???

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 28 gennaio 2019, 16:30

E' da giorni che tento di stilare una specie di classifica su chi sia "il più monnezzaro" di tutti quelli i cui post leggo su Facebook...

...ma ogni volta che sto per assegnare il titolo... ecco che spunta fuori uno che è tre volte più monnezzaro del precedente... e così via ! :lol:

Il problema è che -complice la crisi- è andata del tutto perduta la nozione della differenza tra "Vintage" e "monnezza"... per cui FB è un tripudio di gridolini di gioia e di giubilo al ritrovamento magari dell'ennesima cassa da chiesa, nella discarica del paese...

E tutti lì a postare: "che belle !" per diffusori che non valevano nulla 30-40 anni fa: figuriamoci oggi...

Il guaio è che ai giubilanti è inutile far notare che dopo tanto tempo le sospensioni sono incartapecorite, i coni smembrati, i legni scollati...

Il fatto è che tutti credono di aver ritrovato un tesoro, anche quando parlano delle casse di un simil-compatto-di-Selezione...


Ora voi mi direte: "che male c'è"...?

La risposta è delicata e non semplice: una volta accettato lo sdoganamento della peggiore monnezza, è chiaro che -poco alla volta- sembrerà insensato parlare di nuovi ampli o diffusori... tanto ci sono quelli recuperati dal cassonetto...!!!

Che questa roba funzioni è poi anche tecnicamente impossibile: ampli con i (tanti) condensatori elettrolitici esauriti... con le piste ossidate o piene di polvere grassa e concallata... potenziometri che grattano... contatti falsi su ogni switch...

Quanto ai diffusori, tutti quelli con le sospensioni in foam sono stati ribordati almeno una volta, lasciando però in sede il vecchio centratore ormai decrepito. La ribordatura, poi, è una operazione che comporta SEMPRE l'asportazione di una parte del cartone del cono, che si assottiglia proprio dove dovrebbe aderire alla nuova sospensione... diventando spesso morbido come questa.

Io ho misurato distorsioni enormi, nel caso di woofers ribordati, come quella nel grafico qui sotto, relativa ad una JBL 4343...

Immagine

Ci sarà mai una fine a questo strazio...???

Saluti
F.C.

doc elektro
Messaggi: 1203
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 9:33
Località: vicino alla to-sv
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da doc elektro » lunedì 28 gennaio 2019, 18:21

ci potrebbe essere una fine? Certo . E anche in modo ecologico. E lo dico io che sono un dieselaro convinto....

Primo smettere di comprare quella non monnezza ma peggio,che è piccina,bella e la si vede oramai in tutti i bar-pizzerie-trattorie insieme a quegli indegni faretti bianco ghiaccio che fanno andare di corpo al pari delle cassine sfigate.

Fare dei restauri "incentivati" per togliere lavoro a chi sapete voi. Ovvio che se sono veramente mal messe vai di putagè una volta tolto il cono.

E poi adibirle a servizi poco gravosi dove più che la fedeltà (perchè diciamolo....sono DECLASSATE ORAMAI) conta la durata e a nessuno frega nulla delle "colorazioni" che si danno al suono.

Poi per carità si potrebbe dire di tutto e di più sul fatto che un altoparlante di ricambio costi di più di una coppia di casse nuove.

Perchè comunque tra un impiantino con cassine sfigate da 3 pollici,ampli in classe D con spurie a gogò in uscita,se non frequenze malate ...Preferisco il vecchio giapponesone con mezzo volt di ronzio sulle casse,altoparlanti con 6 milioni di km e magari pure un giradischi al posto degli mp3 che sonagliano.

O addirittura una vecchia TEAC a cassette
a casa mia si usa ancora il tubo catodico

Giu-no
Messaggi: 453
Iscritto il: giovedì 25 agosto 2016, 8:17
Località: Novara

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da Giu-no » lunedì 28 gennaio 2019, 18:41

Caro Fabrizio, per favore non urlare :lol:

Premesso che ho venduto l’anno scorso su ebay un sistema completo philips anni70 ereditato, e che proprio ieri ho buttato nella spazzatura un lettore cd philips cdp 150 con il carrellino che non usciva.... se avessi avuto spazio avrei tenuto tutto! Se ci penso sono tristissimo, mi piacciono troppo tutti questi oggetti vecchi :lol:
Ma è più un atteggiamento da collezionista che da appassionato hifi. Magari anche tu collezioni, che ne so, vecchi strumenti di misura? E naturalmente non li terresti per il motivo di usarli.
L’importante è sempre avere ben chiaro che la tecnologia non si ferma mai e che la qualità originaria (se mai ci fosse stata) è solo un ricordo ingigantito dalla nostalgia dei tempi passati

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 28 gennaio 2019, 18:44

doc elektro ha scritto:
lunedì 28 gennaio 2019, 18:21
ci potrebbe essere una fine? Certo . E anche in modo ecologico. E lo dico io che sono un dieselaro convinto....

Primo smettere di comprare quella non monnezza ma peggio,che è piccina,bella e la si vede oramai in tutti i bar-pizzerie-trattorie insieme a quegli indegni faretti bianco ghiaccio che fanno andare di corpo al pari delle cassine sfigate.

(...)

Perchè comunque tra un impiantino con cassine sfigate da 3 pollici,ampli in classe D con spurie a gogò in uscita,se non frequenze malate ...Preferisco il vecchio giapponesone con mezzo volt di ronzio sulle casse,altoparlanti con 6 milioni di km e magari pure un giradischi al posto degli mp3 che sonagliano.

O addirittura una vecchia TEAC a cassette
Temo tu non abbia capito come stanno le cose, caro Doc.

Se oggi dilagano le cassettine con i conini da 3 pollici ed i faretti a Led con la luce color ghiaccio... questo si deve proprio alla dilagante mania monnezzara, per cui quel poco di nuovo che si vende deve per forza far concorrenza alla monnezza, perlomeno in termini di prezzo.

L'Audio è nato e cresciuto negli anni '20, quando i cinema pagavano tanto ampli e diffusori (WE non vendeva, ma noleggiava... figurati!).

Le radio -prima- ed i televisori sono poi entrati in tutte le famiglie, ma erano oggetti relativamente ben costruiti e di un certo costo, rapportati all'epoca.

Fino ai fatidici anni '70, dove però anche il compattino Philips aveva dietro una progettazione seria (te lo prova l'errore di tracciamento dei braccetti, davvero minimo anche nei modelli più sfigati). Era però roba nuova, che profumava di nuovo, ad entrare nelle case !!!

Oggi quella roba è poco più che un escremento... con gli elettrolitici esauriti ed i potenziometri che grattano... (a parte il fatto che è tutto sbilanciato... per cui c'e poco da fare...). Quella roba è il simbolo della povertà, psicologica oltre che economica, di oggi...

Sapete tutti quanto io sia avverso ai catafalchi lucidati venduti a peso d'oro, ma di qui a sostenere che non c'è alternativa al ricicolo della monnezza da discarica mi sembra che ci sia un mondo, in mezzo !

Un mondo che appunto potrebbe scomparire, perché anche chi ripara monnezza prima o poi si sentirà dire che dieci Euro sono troppi, per riparare un ampli trovato in un cassonetto e che ne vale venti.

Personalmente non credo che ci sia altro da fare che dire la verità: io non credo che alcuno si vanterebbe di andare in giro con le scarpe bucate o con l'auto piena di pulci, se solo potesse avere qualcosa di normale, a costi accessibili.

Paradossalmente, i prezzi dell'HiFi si sono impennati proprio quando le vendite calavano, come sappiamo tutti.

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 28 gennaio 2019, 18:52

Giu-no ha scritto:
lunedì 28 gennaio 2019, 18:41
...
Ma è più un atteggiamento da collezionista che da appassionato hifi. Magari anche tu collezioni, che ne so, vecchi strumenti di misura? E naturalmente non li terresti per il motivo di usarli.
L’importante è sempre avere ben chiaro che la tecnologia non si ferma mai e che la qualità originaria (se mai ci fosse stata) è solo un ricordo ingigantito dalla nostalgia dei tempi passati
Mi hai proprio preso in castagna...! :D

E' vero... ho persino un fonometro a valvole...!!! :lol:

Ed ho anche due fotocamere a lastre, anzi tre... :shock:

La mia idea è che il collezionismo dovrebbe e potrebbe convivere con quel che c'è di nuovo e valido, come p.es. avviene in campo fotografico. Non sai quanti appassionati hanno la fotocamera digitale sulla quale impiegano anche vecchi e prestigiosi obbiettivi.

In campo fotografico, però, se un vecchio obbiettivo va male si smette di usarlo e lo si lascia in vetrina. In campo audio NO...

Saluti
F.C.

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » martedì 29 gennaio 2019, 17:40

Neanche a farlo apposta... proprio oggi... viewtopic.php?f=5&t=8451

Affranti saluti :lol: :(
F.C.

Giu-no
Messaggi: 453
Iscritto il: giovedì 25 agosto 2016, 8:17
Località: Novara

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da Giu-no » martedì 29 gennaio 2019, 23:14

Si, il nostro amico Marcodeb dovrebbe fare come ho fatto io due giorni fa che ho rottamato il philips CDP 150 :lol:

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » lunedì 4 febbraio 2019, 16:13

Sto seguendo, quando posso, una interessante discussione su FB a proposito appunto della "monnezza audio".

Sta emergendo che, a differenza della Fotografia (in cui la fotocamera è un mezzo e la fotografia il fine), nel nostro campo Audio HiFi si è fatto dell'impianto uno status symbol e null'altro. E ci sono appassionati che eleggono a status symbol dei vecchi catafalchi incartapecoriti... In questi frangenti è normale che questi appassionati si infurino se qualcuno mette in dubbio le loro scelte ! (magari depreziandole pure...)

Voi cosa ne pensate...???

Saluti
F.C.

Mauro1
Messaggi: 90
Iscritto il: sabato 17 marzo 2018, 18:36

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da Mauro1 » lunedì 4 febbraio 2019, 20:07

Sicuramente esistono appassionati degli apparecchi Audio come Status Symbol e sicuramente esistono appassionati della buona musica riprodotta mediante buoni apparecchi.. sarebbe interessante sapere se sono più numerosi i primi o i secondi... Voi avete una qualche idea?

Poi trovo molto divertente il tiro al " catafalco incartapecorito"
Mauro

F.Calabrese
Messaggi: 34478
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: La monnezza (audio) ci sommergerà...???

Messaggio da F.Calabrese » martedì 5 febbraio 2019, 1:34

Mauro1 ha scritto:
lunedì 4 febbraio 2019, 20:07
Sicuramente esistono appassionati degli apparecchi Audio come Status Symbol e sicuramente esistono appassionati della buona musica riprodotta mediante buoni apparecchi.. sarebbe interessante sapere se sono più numerosi i primi o i secondi... Voi avete una qualche idea?

Poi trovo molto divertente il tiro al " catafalco incartapecorito"
Sto riflettendo sulla cosa, e domani vi racconterò.

Saluti
F.C.

Rispondi