Il problema dell'informazione viziata

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

F.Calabrese
Messaggi: 37486
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da F.Calabrese » martedì 10 settembre 2019, 8:12

malo ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 22:39
FC che fa le casse come gli autocostruttori e il ritorno all'epopea delle riviste.
Chiudono i forum?
Tranquillo...!

Le prime due ipotesi che proponi sono destinate a restare tali, anche perché le riviste italiane sono in agonia da anni.

Quanto ai forum, effettivamente stanno perdendo di appeal, ma questa non è altro che l'ennesima espressione dell'autolesionismo tipico degli appassionati di HiFi.

Più tardi vedrò di approfondire.

Saluti
F.C.

ciroschi
Messaggi: 673
Iscritto il: lunedì 28 luglio 2014, 12:48

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da ciroschi » martedì 10 settembre 2019, 12:25

Salve,
adesso che sono finite le ferie, gli idiofili tornano su feisbuc per cazzeggiare su apparecchi che non valgono niente, e parlano per sentito dire, anche di hifi da spiaggia. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Saluti.
Ciro da Salerno, Regno delle 2 Sicilie.
Occhio non vede, orecchio non ode. :P

malo
Messaggi: 38
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2018, 12:03

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da malo » mercoledì 11 settembre 2019, 9:52

F.Calabrese ha scritto:
martedì 10 settembre 2019, 8:12
Le prime due ipotesi che proponi ....
Non propongo niente, era una sintesi di quanto scritto da te e oblomov.
Lo spettro di una situazione ben peggiore di quella attuale. E' chiaro che il
web ha portato problemi nuovi....., insieme agli enormi benefici. Ma
non si può mica tornare ai tempi delle riviste hi-fi dei morti di fame prezzolati.
Quanto al passaggio a diffusori RD dopo anni di sputtanamenti,
ti rideranno dietro tutti, o no?

bobgraw
Messaggi: 228
Iscritto il: giovedì 13 dicembre 2018, 22:33

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da bobgraw » mercoledì 11 settembre 2019, 13:02

malo ha scritto:
mercoledì 11 settembre 2019, 9:52
Quanto al passaggio a diffusori RD dopo anni di sputtanamenti,
ti rideranno dietro tutti, o no?
..infatti, lascia perdere Fabrizio.

Gdg
Messaggi: 252
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 21:11

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da Gdg » mercoledì 11 settembre 2019, 15:10

Con qualche vincolo di posizionamento e con dei subwoofer, credo che Fabrizio sia più che capace di realizzare un sistema di diffusori a RD:
viewtopic.php?f=6&t=8509
Immagine
Immagine
Saluti

Giovanni

F.Calabrese
Messaggi: 37486
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Il problema dell'informazione viziata

Messaggio da F.Calabrese » mercoledì 11 settembre 2019, 19:37

malo ha scritto:
mercoledì 11 settembre 2019, 9:52
... E' chiaro che il
web ha portato problemi nuovi....., insieme agli enormi benefici.
Ma non si può mica tornare ai tempi delle riviste hi-fi dei morti di fame prezzolati.
Quanto al passaggio a diffusori RD dopo anni di sputtanamenti,
ti rideranno dietro tutti, o no?
Per quanto mi riguarda personalmente, il web mi ha portato due benefici talmente enormi da oscurare qualsiasi problema. Essi sono:

1)- Grazie al Web io sono in contatto con almeno un migliaio di appassionati, forse tre. E questo non mi sarebbe mai stato possibile all'epoca in cui c'erano solo le riviste, che parlano solo di chi è inserzionista o lo diventerà presto.

2)- Il Web ha liberato me e tanti altri progettisti dal ricatto dei distributori, che ti costringevano ad acquistare QUEGLI ampli se volevi avere QUEGLI altoparlanti, o viceversa. Ricordo uno di questi che mi minacciò dinanzi a tutti, al Tav 2009, salvo sentirsi rispondere che io potevo finalmente fare a meno dei suoi ampli e dei suoi altoparlanti, avendo trovato di meglio e per giunta a costi minori...

Quanto al fatto che io progetti ANCHE diffusori RD non vedo alcun problema: io di diffusori ne ho progettati almeno 250 diversi modelli, gran parte dei quali erano appunto a radiazione diretta.

I miei diffusori a tromba sono da sempre dedicati agli appassionati che aspirano al meglio e sono disposti a spendere quel pizzico in più che è inevitabile, vista la maggiore complessità progettuale e realizzativa di questo tipo di diffusori.

Io non faccio dunque altro che offrire sistemi bensuonanti (vale a dire con bassissima distorsione e grande correttezza timbrica) anche a costi inferiori rispetto a quelli dei miei FullHorn, e per far questo l'unico modo è proporre diffusori RD, realizzati con i migliori trasduttori esistenti.

Qualcun altro, al mio posto, avrebbe affrontato il periodo di crisi nazionale abbassando i prezzi dei FullHorn, ma questo era per me impossibile per due motivi almeno, il primo dei quali è che sono di già partito con richieste tutt'altro che elevate. Il secondo motivo è una mia regola: per rispetto ai primi clienti, NESSUN cliente successivo avrà mai quello stesso sistema ad un prezzo inferiore. Piuttosto posso proporre sistemi più semplici, se proprio il problema sta nei prezzi. Ma nella realtà i miei prezzi sono talmente bassi che il problema non dovrebbe proprio esistere.

Saluti
F.C.

Rispondi