Impianto per musica liquida nel 2021

La sezione principale

Moderatore: F.Calabrese

Rispondi
1speed
Messaggi: 15
Iscritto il: sabato 18 dicembre 2010, 11:45

Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da 1speed » sabato 2 gennaio 2021, 14:03

Salve a tutti i forumendoli e buon anno.

Sono iscritto dal 2010, finora ho usato il forum solo per leggere le vostre interessanti ed eretiche discussioni e rubacchiare idee qui e la, adesso apro questa discussione per i vostri suggerimenti diretti.

Dopo essermi allontanato e riavvicinato a più riprese all "hifi" ed al forum a causa di spostamenti lavorativi, ho intenzione di aggiornare l'impianto per musica liquida\HT, che uso per ascolto near e mid field di musica (cd rippati in flac e Youtube) e la visione di film.

L'impianto attuale è composto da un Thinkpad con Windows 10, un DAC USB Beresford TC-7520 con uscite analogiche ed un input ottico, un ampli YARLAND DREAMWORK M84 di AAAVT, una coppia di casse Mistral (sempre da AAAVT, BASS-REFLEX POSTERIORE - WOOFER DA 4" - TWEETER DA 3/4" - IMPEDENZA NOMINALE DI 6Ohm - RISPOSTA IN FREQUENZA 55HZ-20Khz - EFFICIENZA 89dB - 2.83V/1m.).
Le casse sono sistemate su scrivania in una stanza di circa 5x3 mt.

Per farla breve vorrei riavere i bassi (ovviamente direte voi) e nel contempo avere qualcosa di più pratico da usare (il valvolare bisogna farlo scaldare, in più..scalda!), infatti spesso mi ritrovo ad usare un paio di vecchissime Trust attive collegate tramite presa cuffia, che in alcuni frangenti, ad esempio per l'intelligibilità del parlato nella visione di film, sembrano persino meglio dell'impiantino di cui sopra.

Se non fosse già chiaro non sono un esperto super informato ed è possibile che scriva castronerie, aggiungo che non ho preconcetto alcuno riguardo a marchi, configurazioni ecc. (anzi i fighetti mi stanno antipatici). :D

Il mio budget è di circa 700 euro per le casse + sub, dopo aver scandagliato il forum ed internet sono arrivato a queste due ipotesi, cercando quanto di più "cost effective" ci sia in giro:

A - Aggiungere un subwoofer attivo Adam Audio T10S all'impianto attuale.
B - Acquisto di un paio di Adam Audio T5V e subwoofer dedicato T10S (avrei la possibilità di ascoltarle prima dell'eventuale acquisto in negozio fisico).

Vi chiedo, cosa ne pensate della prima ipotesi? E' a costo ridotto rispetto alla B, in caso di insuccesso userei il sub per l'ipotesi B.
Per contro non vorrei complicarmi inutilmente la vita e sono portato a pensare che vista l'esperienza con le Trust le casse attive facciano di più al mio caso.

In merito alla seconda ipotesi, vi chiedo se usare gli ingressi bilanciati delle Adam è fondamentale o se si otterrebbero grosso modo gli stessi risultati in analogico.
Nel primo caso dovrei cambiare il DAC perchè il Beresford non dispone di uscite bilanciate, cosa ci sarebbe di economico?
E' possibile o consigliabile non usare il DAC esterno e collegare il pc direttamente alle Adam tramite qualche interfaccia USB?
Per un DAC con uscite bilanciate ho pensato al Behringer U-Phoria UMC202HD ( https://www.thomann.de/it/behringer_u_p ... Iml0In0%3D ).
Esagerando c'è il DCX2496, che eventualmente in futuro potrei usare per tentare la via della multiamplificazione.

Se invece usassi gli ingressi analogici delle Adam, uscire direttamente dalla presa cuffia del pc sarebbe uno spreco o un obbrobrio sonoro?

Grazie

F.Calabrese
Messaggi: 38319
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma
Contatta:

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da F.Calabrese » sabato 2 gennaio 2021, 14:55

1speed ha scritto:
sabato 2 gennaio 2021, 14:03
...
Se invece usassi gli ingressi analogici delle Adam, uscire direttamente dalla presa cuffia del pc sarebbe uno spreco o un obbrobrio sonoro?
Io al tuo posto farei una piccola follia.

Acquisterei due adattatori/bilanciatori come questi: https://www.thomann.de/it/neutrik_na2md2btx.htm
e li utilizzerei per collegare direttamente l'uscita cuffia disponibile con gli ingressi bilanciati dei diffusori attivi.

Lo dico subito: QUESTA NON E' UNA CONFIGURAZIONE "HI-END", ma finché continuiamo a parlare di diffusori con wooferini-ini-ini e tweeterini a cupola... beh... spendere di più potrebbe non avere minimamente senso.

Una volta risolto il problema contingente, io mi guarderei bene intorno alla ricerca di due diffusori SERI, magari prendendo il giusto tempo ed allocando le giuste risorse.

Che ne dici...? ;)

Saluti ed Auguri
F.C.

melomane
Messaggi: 179
Iscritto il: martedì 31 dicembre 2013, 22:14
Località: Marsiglia, Francia

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da melomane » sabato 2 gennaio 2021, 14:57

c'é anche una ipotesi 3

prendere un pai di T5V sole.
questo perché
1) tu dici avere dei problemi nel parlato
2) le T5V non hanno necessariamente bisogno di sub , per una stanza piccola e per dei volumi non estremi.
vai a ascoltarle.

il costo é inferiore alle altre soluzioni e sempre possibile di upgradare col sub...

per il dac, non c'é in principio differenza fra bilanciato o non. l'interfaccia bilanciata é necessaria su delle grande distanze o per i microfoni, per evitare le interferenze. Non penso che sia il tuo caso. io proverei e se c'é rumore , dovrai passare al bilanciato.

tienici al corrente dell'ascolto delle adam!

1speed
Messaggi: 15
Iscritto il: sabato 18 dicembre 2010, 11:45

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da 1speed » sabato 2 gennaio 2021, 16:17

F.Calabrese ha scritto:
sabato 2 gennaio 2021, 14:55
1speed ha scritto:
sabato 2 gennaio 2021, 14:03
...
Se invece usassi gli ingressi analogici delle Adam, uscire direttamente dalla presa cuffia del pc sarebbe uno spreco o un obbrobrio sonoro?
Io al tuo posto farei una piccola follia.

Acquisterei due adattatori/bilanciatori come questi: https://www.thomann.de/it/neutrik_na2md2btx.htm
e li utilizzerei per collegare direttamente l'uscita cuffia disponibile con gli ingressi bilanciati dei diffusori attivi.

Lo dico subito: QUESTA NON E' UNA CONFIGURAZIONE "HI-END", ma finché continuiamo a parlare di diffusori con wooferini-ini-ini e tweeterini a cupola... beh... spendere di più potrebbe non avere minimamente senso.

Una volta risolto il problema contingente, io mi guarderei bene intorno alla ricerca di due diffusori SERI, magari prendendo il giusto tempo ed allocando le giuste risorse.

Che ne dici...? ;)

Saluti ed Auguri
F.C.
Buonasera Fabrizio, dico che come suggerimento mi sembra abbia una perfetta logica, grazie! :D

Vito

1speed
Messaggi: 15
Iscritto il: sabato 18 dicembre 2010, 11:45

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da 1speed » sabato 2 gennaio 2021, 16:23

melomane ha scritto:
sabato 2 gennaio 2021, 14:57
c'é anche una ipotesi 3

prendere un pai di T5V sole.
questo perché
1) tu dici avere dei problemi nel parlato
2) le T5V non hanno necessariamente bisogno di sub , per una stanza piccola e per dei volumi non estremi.
vai a ascoltarle.

il costo é inferiore alle altre soluzioni e sempre possibile di upgradare col sub...

per il dac, non c'é in principio differenza fra bilanciato o non. l'interfaccia bilanciata é necessaria su delle grande distanze o per i microfoni, per evitare le interferenze. Non penso che sia il tuo caso. io proverei e se c'é rumore , dovrai passare al bilanciato.

tienici al corrente dell'ascolto delle adam!
Buonasera melomane, mi hai spiazzato e mi hai quasi "letto nel pensiero".

Leggendo delle casse con altoparlanti piccoli e di come aggiungere un sub faccia diminuire la distorsione non avevo considerato la questione basso volume, che è la mia modalità più frequente di ascolto, dove l'aspetto della distorsione incide in misura inferiore, giusto?

Per fortuna in zona negozi di audio pro ce ne sono ancora, vi terrò aggiornati sulle Adam.

Intanto grazie.

1speed
Messaggi: 15
Iscritto il: sabato 18 dicembre 2010, 11:45

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da 1speed » lunedì 4 gennaio 2021, 20:07

Salve a tutti, ho ascoltato le Adam, per quello che può valere un ascolto di circa 45min in ambiente non familiare non vanno male e non le ho odiate come le Genelec 1040 che ho ascoltato tempo fa, ma non mi hanno entusiasmato.

I bassi latitavano e le alte\medie frequenze non le ho trovate più musicali (anzi) di quelle fornite dal mio attuale setup PC\DAC USB Beresford TC-7520 di 10 anni fa, valvolare YARLAND DREAMWORK M84 di AAAVT, coppia di cassettine cinesi Mistral.

Poi ho chiesto al negoziante di collegare un sub (un Presonus da 8") ed è stata tutta un'altra storia, senza gridare al miracolo ho trovato l'amalgama gradevole e musicale, ancorchè neutro, e non affaticante.

Mi piacerebbe ancora provare un sub attivo con il mio impianto, ma mi sembra un'operazione inutilmente complicata e dall'esito incerto, sempre che sia tecnicamente fattibile.

Dovrei quindi buttarmi sulle Adam +sub, ma sono ancora dubbioso.

Ho trovato questa discussione, "Il problema della fascia intermedia..." viewtopic.php?f=5&t=7996&p=131930&hilit ... lo#p131930 , con una bella proposta di impianto fatta da Fabrizio Calabrese, Thomann S-150 e Indiana Line DJ308, ma in questo caso non avrei la possibilità di ascoltare prima dell'acquisto.

Che dite una coppia di Indiana Line DJ 308 sarebbe eccessiva sistemata su una scrivania in una stanza di 15mt quadri? La ascolterei ad un paio di mt di distanza.

Quello fra i bassi delle IL ed un sub attivo è un paragone improponibile?

melomane
Messaggi: 179
Iscritto il: martedì 31 dicembre 2013, 22:14
Località: Marsiglia, Francia

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da melomane » mercoledì 6 gennaio 2021, 9:39

1speed ha scritto:
lunedì 4 gennaio 2021, 20:07
Che dite una coppia di Indiana Line DJ 308 sarebbe eccessiva sistemata su una scrivania in una stanza di 15mt quadri? La ascolterei ad un paio di mt di distanza.

Quello fra i bassi delle IL ed un sub attivo è un paragone improponibile?
1) eccessiva, perché?
2) vai à ascoltarle...

1speed
Messaggi: 15
Iscritto il: sabato 18 dicembre 2010, 11:45

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da 1speed » mercoledì 6 gennaio 2021, 20:27

Ciao melomane, le dj 308 mi sembrano eccessive su scrivania perchè sono alte più di 50 cm, inoltre per migliori risultati non andrebbero sistemate vicino alle pareti di fondo? L'unica alternativa sarebbe metterle su scaffale, a circa 150 cm da terra, una in angolo, l'altra a circa 30 cm dall'angolo, o verrebbe ostruita da una libreria.

Per l'ascolto mi sto guardando intorno, ma la vedo dura.

armandolaspatola
Messaggi: 456
Iscritto il: sabato 1 settembre 2012, 15:54

Re: Impianto per musica liquida nel 2021

Messaggio da armandolaspatola » mercoledì 13 gennaio 2021, 12:37

... io sulla scrivania (che si trova a centro stanza) ho una coppia di KRK 10-3 (con la sezione medi tweeter ruotata)
...certo tolgono un pò di luce :lol: :lol: :lol: ma mi regalano ore di piacevole ascolto (anche senza sub) :mrgreen:
Saluti
Gabriele
De André - Un medico "e allora capii, fui costretto a capire, che fare il dottore è soltanto un mestiere, che la scienza non puoi regalarla alla gente se non vuoi ammalarti dell'identico male, se non vuoi che il sistema ti prenda per fame"

Rispondi