schema elettrico finale STEG ST 300

Moderatore: fileo

Rispondi
Messaggio
Autore
sandrino
Messaggi: 1
Iscritto il: venerdì 13 marzo 2020, 17:58

schema elettrico finale STEG ST 300

#1 Messaggio da sandrino » sabato 14 marzo 2020, 12:31

Salve a tutti, sono alla ricerca dello schema elettrico dello steg st 300, qualcuno puo' aiutarmi?

doc elektro
Messaggi: 1384
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 9:33
Località: vicino alla to-sv
Contatta:

Re: schema elettrico finale STEG ST 300

#2 Messaggio da doc elektro » domenica 15 marzo 2020, 15:39

molto simile al 350 e al 400 cambiava solo il numero dei transistor finali e lo stadio di alimentazione.

Quale difetto hai?
a casa mia si usa ancora il tubo catodico

paint22
Messaggi: 21
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 20:12

Re: schema elettrico finale STEG ST 300

#3 Messaggio da paint22 » venerdì 23 ottobre 2020, 10:11

Ho acquistato da poco l'identico finale, ho trovato il condensatore da 49000uf 150 volt di alimentazione in corto, sostituito e accende, adesso mi ritrovo il canale right che a basso volume suona ma alzando un tantino suona distorto,smontarlo è veramente un'impresa non di poco conto,comunque devo in tutti i modi risolvere, cosa potrebbe essere?
Ho bisogno anch'io dello schema, il mio indirizzo crimadavide@live.it, se qualcuno fosse gentile da mandarlo,ringrazio anticipatamente chi vorrà darmi qualche consiglio

doc elektro
Messaggi: 1384
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 9:33
Località: vicino alla to-sv
Contatta:

Re: schema elettrico finale STEG ST 300

#4 Messaggio da doc elektro » venerdì 23 ottobre 2020, 19:34

uno dei piloti andato.

Smonta le alette (si sfilano come il mac) su ogni aletta tot finali e su quelle esterne i piloti. Tieni presente che dei 5 che mi sono passati per le mani non c'è n'erano 2 uguali già da nuovi. Per esempio a schema dovevano usarsi come piloti dei transistor in to3 e in alcuni c'erano dei "tabbozzi" in stile ad162 montati su alette forate storte a mano e per giunta con sbavature (meno male che la mica aveva resistito)

Ne avevo riparato uno per un "personaggio" che poi non mi ha pagato (nè quello nè il piooneer prima) e per fargli costare poco la riparazione (tanto sapevo che non pagava) avevo messo una coppia di 2sc5200e 2sa1943 declassati tolti da un DAS.
Se senti che suona basso guarda che non autoscilli,vedresti salire un meter senza segnale di ingresso.
Ricordati che ha le masse separate segnale e potenza.

Anche con uno solo dei due condensatori di alimentazione montati suona bene lo stesso ,a meno che non lo hai per i bassi in un autoscontro. Ma se lo usi per un autoscontro bè...te le cerchi visto che il più scarso dei thoman gli sta davanti testa a testa

Lo schema me lo aveva passato qualcuno,non era niente ma proprio niente di che .

Verifica che in parallelo al condensatore piccolo,quello in serie all'altoparlante ci sia metà della tensione di alimentazione se no si comincia controllare lo stadio di ingresso (quei transistorini neri piccoli) ,poi ci sono sia quelli della protezione in corrente (se uno è scottato taglia prima).

Tieni presente che il progettista si è dato un bel da fare a cercare i componenti più astrusi e difficili da trovare e metterli nello stampato nel modo più assurdo possibile per complicarsi la vita.

Ho ancora un hirtel di quel personaggio da me,sto aspettando che si faccia vivo per la riparazione... :lol: ma se il karma fa la sua magari il virus se lo porta via.

Se vuoi ti spiego come fa ad andare in corto un elettrolitico così ben dotato...

Mettiamo che hai un corto sull'uscita ....ogni tanto... all'inizio salta quel fusibile sull'alimentazione messo nell'angolo della scheda. Cosa fa uno serio? Cerca il corto,cosa fa uno meno serio aumenta l'amperaggio.
E se per caso superi la soglia critica il fusibile fa la "sfera di plasma" in pratica salta dopo mezzo secondo e in quel mezzo secondo fa un arco perchè interrompere un centinaio di volt in cc non è proprio una cosa "facile" .
IL mezzo secondo in cui la corrente sale di poco sotto ai 200A e distrugge oltre che finali,piloti e tutti i transistor di pre ampli.

Se lo fa come si deve manda in corto anche il condensatore sull'alimentazione. Perchè 200A fanno una densità di corrente tale nelle armature che le fano flettere una sull'altra
a casa mia si usa ancora il tubo catodico

paint22
Messaggi: 21
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 20:12

Re: schema elettrico finale STEG ST 300

#5 Messaggio da paint22 » sabato 24 ottobre 2020, 13:27

Risolto👍👍erano alcune resistenze di emettitore, logicamente sostituiti tutti, 6 a canale, adesso è ritornato a suonare, dovrei solo controllare e regolare il bias,ma non avendo il manuale e non conoscendo i valori è impossibile, se qualcuno me lo invia, ne sarei molto grato...grazie

doc elektro
Messaggi: 1384
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 9:33
Località: vicino alla to-sv
Contatta:

Re: schema elettrico finale STEG ST 300

#6 Messaggio da doc elektro » sabato 24 ottobre 2020, 19:42

io per regolarli mettevo il tester in amperometrica al posto del fusibile e regolavo fino a segnare 0,050,perchè a 0,045 inizia a distorcere per il passaggio dallo zero.

Se distorce a 0,050 hai il condensatore che stabilizza lo zero andato (quello di capacità più grande saldato in centro alla scheda)

Le due regolazioni che ci sono sulla scheda sono rispettivamente lo zero dell'ampli (regolabile facendo in modo di avere esattamente zero sul condensatore che trasferisce sull'altoparlante) e la corrente di riposo.
Occhio che con un cacciavite lungo puoi fare dei corti,isolalo con pezzo di tubo per la flebo o nastro isolante
a casa mia si usa ancora il tubo catodico

Rispondi